Home > Crescita Personale > Essere soli: come combattere la solitudine efficacemente

Essere soli: come combattere la solitudine efficacemente

Essere soli, sopratutto dopo una pandemia globale che ha ulteriormente accentuato questa problematica sociale, riguarda tantissimi uomini al giorno d’oggi.

Più di quanti uomini credi.

C’è chi esterna la solitudine, e chi invece fa finta che tutto va a gonfie vele.

Siamo sempre più connessi grazie ai social, ma allo stesso tempo siamo sempre più soli.

Tengo particolarmente a questo argomento, tant’è vero che abbiamo dedicato già un articolo su come smettere di essere incel ed il motivo per la quale dovresti stare lontano dai forum covo di persone che stanno in una situazione anche peggiore della tua, tipo il forum dei brutti.

Proprio per questo motivo che in questo articolo andremo a vedere quali sono – a mio avviso – le cause della solitudine, e cosa fare per combatterla.

Se sei un lettore abituale del mio blog, conoscerai benissimo la mia storia e di come ci sono passato anche io in tutto questo schifo della solitudine.

Ecco perchè voglio darti consigli pratici all’interno di questo articolo, tali che puoi metterli in pratica a partire da oggi stesso ed iniziare quindi a cambiare la direzione della tua esistenza.

Solitudine: quali sono le cause?

Durante i miei mesi di solitudine che ho passato rinchiuso in casa, mi sono sempre chiesto quali fossero le cause della mia solitudine.

Continuavo a chiedermi “Per quale motivo non ho amici?”, “Perchè le donne non scelgono mai me?”.

Mi dannavo l’anima – letteralmente – vedere persone che io ritenevo peggio di me, pieni di amici, e donne con ragazzi più brutti ed antipatici di me.

Passavo intere giornate a leggere articoli di blog, tuttavia non riuscivo mai a trovare una soluzione concreta al mio problema che mi affliggeva ormai da troppo tempo.

Gira e rigira, i consigli erano sempre gli stessi.

“Devi uscire più spesso per farti nuovi amici!” – era la frase che sentivo più spesso in assoluto, ma che puntualmente urtava la mia sensibilità.

Grazie al cazz* che devo uscire più spesso, ma con chi!?” – pensavo ogni volta che mi veniva ripetuta come un disco rotto questa frase.

C’era poi chi si sforzava quel minimo in più dicendomi frasi di compassione del tipo “troverai presto amici o ragazze che ti meritano”.

Mi ritrovai quindi in un loop fatto di voci che mi dicevano che la soluzione era praticamente lì davanti a me, mentre io non vedevo nessuna luce in fondo a questo tunnel.

Proprio non sapevo cosa fare per uscire da questo infinito tunnel oscuro nella quale ero rientrato dopo aver compiuto i miei 18 anni, nel periodo migliore della giovinezza, come qualcuno direbbe.

Questo mio cammino di vita, ha preso però una piaga differente, a partire da circa cinque anni fa, grazie ad un libro che ha letteralmente sconvolto la mia esistenza.

Stando sempre a casa, divoravo interi libri in un paio di giorno, anche perchè non avevo un cavolo da fare se non passare tutta la giornata sul letto della mia camera che è stato il mio rifugio per oltre diciotto anni.

Se oggi mi ritrovo a dirti come sono riuscito ad uscire da questo tunnel, è stato grazie a questo “click” che mi ha permesso di cambiare la direzione della mia vita.

Il click che ha cambiato la direzione della mia vita

Era una fredda sera di Febbraio, a ridosso del giorno di San Valentino del 2016.

Puntualmente, anche quest’anno, avrei visto con invidia le foto sui social dei miei amici che si scambiavano regali con le proprie fidanzate.

Nella mia vita, non avevo mai vissuto il giorno di San Valentino con una ragazza, anche perchè una ragazza non l’avevo mai avuta.

Come di consueto leggevo libri, e mi capitò sotto mano un libro di Paulo Coelho.

Il titolo del libro era “L’alchimista”.

Questo libro racconta la storia di un giovane, di nome Santiago, che decide di intraprendere un avventura alla ricerca di un tesoro che ogni notte continua a sognare.

Non è tanto la storia in sé quello che ha fatto partire per me quel “click” nella mia testa, quanto significato che si cela dietro a questa storia.

C’è una frase che mi colpì particolarmente, ed è questa:

Il mio cuore ha paura di soffrire’ disse il ragazzo all’Alchimista, una sera in cui guardavano il cielo senza luna. Digli che la paura di soffrire è assai peggiore della stessa sofferenza. E che nessun cuore ha mai provato sofferenza quando ha inseguito i propri sogni.

– L’alchimista, Paulo Coelho

Questa frase mi fece riflettere tantissimo sul fatto che la mia sofferenza era dovuta perlopiù alla mia inettitudine nel non riuscire a cambiare la mia situazione, e al sentirsi impotente davanti alla solitudine, più che il fatto di essere soli e non aver mai avuto una ragazza in sé.

C’era un altra frase poi che mi colpì particolarmente, quasi come uno schiaffo in rovescio.

“La gemma non può essere lucidata senza attrito, né l’uomo può perfezionarsi senza prove.”

– L’alchimista, Paulo Coelho

Mi ci è voluto un po’ per comprendere quest’ultima frase, tant’è che dovetti cercare il significato su Google.

In sostanza, questa frase ci dice che per ottenere ciò che non hai, devi diventare colui che non sei.

Le cose che abbiamo, o che non abbiamo, sono la risultante di noi siamo.

Nel bene o nel male, e così che funziona.

Per il mio caso, mi resi conto che la causa della mia solitudine, e del fatto che non avessi mai avuto una ragazza, non è per cause esterne, bensì per cause interne: sono io la causa di tutto questo.

Ci vuole un bel po’ di coraggio a mettersi in discussione, sopratutto quando abbiamo vissuto tanti anni credendo che le cause della nostra solitudine fossero esterne, e non sotto il nostro controllo.

Conosco benissimo questa situazione, in quanto io stesso ci sono passato.

Continuavo a convincermi che se io ero solo, la causa era il fatto che fossi sfortunato a trovare gli amici giusti, che le donne erano tutte tro*e e volevo uomini ricchi, oppure che forse ero troppo magro, quindi un fisico lontano dal prototipo ideale di una donna.

Tuttavia, rileggendo questo libro, e facendo un lavoro di introspezione, compresi due cose fondamentali:

  • Era più il dolore dell’inettitudine nel non riuscire a fare qualcosa per non essere soli che mi flagellava l’anima, anche più della solitudine in sé
  • Se volevo avere amici, o una fidanzata, dovevo essere una persona diversa da quella attuale

Lo so, lo so…

Forse al suono della frase che devi essere una persona diversa per riuscire ad essere meno solo ed avere una fidanzata, ti è venuto subito in mente il pensiero “preferisco essere me stesso”.

Sai quante volte ho sentito dire questo?

Infinite volte.

E sai perché?

Semplicemente, perché gli uomini hanno una normale frizione al cambiamento.

Cambiare, vuol dire infatti uscire dalla propria comfort zone, e non tutti sono disposti a farlo.

Posso assicurarti inoltre che questa frase non ha proprio un senso logico.

Quando parliamo di cambiare, lo facciamo in ottica di miglioramento della propria persona.

Dovrai essere quindi ad un livello migliore di te stesso, non dovrai cambiare il gioco, bensì la partita alla quale stai giocando.

Tutto quello che devi fare per combattere la solitudine efficacemente

Come potrai intuire, dopo la lettura di quel libro, la mia vita ha preso una piaga completamente differente.

Avevo finalmente capito che il fatto di stare immobile davanti alla mia solitudine, mi faceva più male della solitudine ed inoltre avevo capito che dovevo muovere il sedere e fare qualcosa per migliorarmi, se non volevo più vivere un esistenza fatta di solitudine.

Ed è proprio questo quello che voglio condividere con te adesso, ovvero come puoi anche tu combattere la solitudine efficacemente iniziando da oggi stesso.

La chiave di volta che mi ha permesso di diventare quello che sono, è stato proprio il fatto di fare tutto quello che è necessario per diventare una persona differente.

Questo mi permetteva temporaneamente di non vivere il dolore dell’inettitudine, ed in oltre nel lungo periodo mi ha permesso effettivamente di non essere più solo, al contrario, mi ha permesso di essere un magnete per gli amici, e per le donne.

Proprio per questo motivo che devi iniziare anche tu, da oggi stesso, a smetterla di focalizzarti sui fattori esterni che secondo te sono la causa della tua solitudine, ed iniziare a focalizzarti sui fattori interni, ovvero sulla tua persona.

Prendi carta e penna.

Fallo davvero, è un esercizio tanto semplice, quanto potente, che ho fatto (e che continuo a fare) ogni qual volta c’è qualcosa nella mia vita che voglio cambiare.

Su questo foglio, senza auto-giudizio, scrivi tutte quelle che secondo te sono le causa della tua solitudine, che si tratti di amici, o dell’avere una ragazza.

Ripeto, fallo davvero questo esercizio, non sottovalutarlo se vuoi realmente comprendere come non essere soli e cambiare finalmente la tua situazione attuale.

Prenditi qualche minuto per farlo.

Adesso che hai scritto quali sono le cause della tua solitudine, che riguardano te, analizzale per comprendere quale potrebbe essere la soluzione.

Nel momento in cui migliorerai la tua persona, e quindi la tua sfera personale, vedrai come sarai capace di attrarre a te più amici, e ragazze.

Ti posso assicurarti che è così che funziona, ed il motivo di tutto ciò è semplice: le persone vogliono circondarsi di altre persone migliori di loro.

Questo vale sia che si tratti di un potenziale amico, e sia che si tratti di una potenziale ragazza.

Nel momento in cui tu riuscirai ad essere una persona migliore, in tutti gli ambiti della tua vita personale, sarà per te dieci volte più facile attrarre amici e ragazze, proprio perchè tutti vogliono circondarsi di persone che sono nella loro vita privata, sono superiori.

Questo è il concetto che deve entrare nella tua mente e che una volta compreso, ti permetterà di diventare una versa e propria calamita per amici, e per le ragazze che vuoi conquistare.

A partire da oggi, dovrai quindi iniziare a focalizzarti su te stesso.

L’esercizio che ti ho fatto fare poco fa, ti aiuterà a identificare le tue debolezze, affinché tu possa lavorarci e quindi migliorarle, qualunque esse siano.

Vediamo insieme le debolezze più comuni tra gli uomini.

Sono brutto“: Questa è la più comune in assoluto. In realtà, la bellezza è la cosa più malleabile che madre natura ci ha dato. Infatti, sono tanti i fattori che influenzano l’aspetto fisico. Di questo ne abbiamo parlato in un apposito articolo a cui ti rimando se pensi che la causa della tua solitudine sia il tuo aspetto fisico.

“Ho l’ansia di uscire da casa”: Questa è la seconda causa più comune della solitudine che ho sentito. Le ansie sociali, sopratutto dopo il covid, sono una piaga della nostra società. Tuttavia, migliorarsi vuol dire anche imparare a superare questi blocchi mentali. Il mio consiglio, se hai un ansia sociale, è quella di rivolgerti ad uno psicoterapeuta abilitato, anche online utilizzando servizi come UnoBravo.

“Non riesco ad inserirmi in cerchie di amicizie”: Le cerchie di amicizie, sono come le tribù. Una tribù si unisce nel momento in cui hanno uno scopo comune. Lo stesso accade nelle cerchie di amicizie. Se vuoi iniziare ad inserirti in cerchie di amicizie, devi entrare in determinati contesti, dove puoi trovare tuoi simili che hanno il tuo stesso scopo. Trova le tue passioni, e dai sfogo a queste tue passioni frequentando i luoghi dove puoi trovare i tuoi simili. Sei appassionato di fitness? Bene, inizia a frequentare le palestre. Sei appassionato di moto? Bene, inizia a frequentare i raduni. Sei appassionato di lingua? Bene, inizia a frequentare aperitivi di Expats nella tua città. Così nascono le nuove amicizie: frequentando i luoghi dove puoi trovare persone simili a te.

“Non riesco a fare interessare una ragazza di me”: In questo caso, sei nel posto giusto. Su Magnetismo Personale, il mio scopo è quello di divulgare strategie che ti permettono di migliorare il tuo rapporto con le donne e dare una svolta alla tua vita sentimentale. Tutto quello che dovrai fare è quindi consultare i miei articoli su questo blog, oppure in alternativa ascoltare il mio podcast, oppure seguirmi sul mio canale YouTube.

Come combattere il fatto di essere soli: conclusioni

Abbiamo visto in questo articolo che l’unica soluzione realmente efficace per non essere soli, è quello di migliorarsi come persona.

Questo vale sia che si tratti di amicizie, e sia che si tratti di relazioni amorose.

Più saremo capaci di migliorarci come persona, più diventeremo una calamita forte capace di attrarre persone nella nostra vita che ci fanno stare bene.

È così che funzionano le relazioni interpersonali, che ti piaccia o meno.

Chiunque vuole circondarsi di persone migliori di loro stessi.

Proprio per questo motivo che il miglioramento personale deve essere a partire da oggi la tua unica priorità.

Dovrai rompere tutti i tuoi paradigmi mentali che in questo momento ti stanno allontanando dal migliorarti, ed iniziare a rimboccarti le maniche.

Focalizzati su un punto debole per volta, ed inizia ad eradicarlo o attutirlo.

Madre natura ci ha dato la possibilità di cambiare, perchè non farlo in meglio?

Lascia un commento